SCWIST Invitato alla Camera dei Comuni di Ottawa

SCWIST è stata invitata dalla Camera dei Comuni per la seconda volta a presentare al Comitato permanente sulla condizione delle donne il 23 aprile 2015.

 

Sandy entusiasta di presentare al Comitato permanente

Sandy entusiasta di presentare al Comitato permanente

Il nostro segretario, Danniele Livengood, e il precedente direttore di Outreach, Sandy Eix, si sono recati a Ottawa alla Camera dei Comuni e hanno parlato di cambiamenti positivi nella rappresentanza delle donne nei campi STEM tradizionalmente dominati dagli uomini, ma resta ancora molto lavoro da fare. Di seguito sono riportati alcuni dei motivi:

  • Le donne con diplomi STEM hanno maggiori probabilità di essere disoccupate o occupate in settori che non richiedono una laurea rispetto agli uomini con titoli simili;
  • Le donne detengono solo il 15% delle cattedre ordinarie in scienze complessive e solo l'8% delle cattedre ordinarie in ingegneria, rispetto al 31% in scienze umane;
  • Solo il 3.3% dei primi 25 beneficiari del NSERC (misurato dall'ammontare della borsa di studio) coinvolge donne;
  • Nelle aziende high tech come Facebook, LinkedIn e Google, il 35% della loro forza lavoro è costituita da donne, ma le donne rappresentano solo il 15-17% dei loro dipendenti tecnici e solo il 20-25% del personale senior.

Danniele e Sandy hanno continuato a convincere il Comitato permanente perché la diversità di genere è la chiave per l'innovazione:

Danniele pronto e fiducioso a presentarsi

Danniele pronto e fiducioso a presentarsi

  • Studi del Conference Board of Canada e Corporate Governance collegano la diversità di genere non solo alla soddisfazione dei dipendenti, ma anche a una migliore governance, innovazione e vantaggi economici per le aziende;
  • L'intelligenza collettiva cresce in un gruppo con più donne;
  • La presenza di almeno il 30% di donne in un consiglio diminuisce il "pensiero di gruppo", mentre le donne direttrici migliorano la capacità di un'azienda di affrontare questioni strategiche complesse.

Quello che possiamo imparare da questi studi è che la mancanza di donne nella leadership STEM non è solo un problema per le donne ambiziose: è un fattore limitante nella capacità dei ricercatori e delle società canadesi di prosperare e crescere. In altre parole, STEM ha bisogno di leader donne.

 

Per far progredire le donne nello STEM, dobbiamo affrontare le barriere:

  1. Non possiamo smettere di sostenere le iniziative che finora hanno funzionato bene. Ciò comprende reti di supporto e difesa come SCWIST, DAWEG, WWEST, le sedie NSERC per le donne in scienza e ingegneria.  Include programmi di tutoraggio per ragazze e giovani donne come SCWIST ms infinitoe la nostra serata di networking a doppia X. Include anche opportunità di creazione di abilità come SCWIST Donne immigrate nella scienza, Ladies Learning Code e campi scientifici e tecnologici per ragazze.
  2. Dobbiamo investire in sistemi per aiutare i professionisti delle risorse umane e gli educatori comprendere e contrastare i loro pregiudizi. Ciò contribuirà a garantire che i pregiudizi sistemici inconsci contro le donne nello STEM non continueranno a rappresentare un ostacolo.
  3. Dobbiamo riconoscere e celebrare le organizzazioni che sono modelli di diversità  e racconta la storia di come ne hanno beneficiato. Ad esempio, sappiamo che le società Fortune 500 con il maggior numero di donne nei loro consigli di amministrazione superano di gran lunga le società con il minor numero di donne.
  4. Dobbiamo lavorare per costruire, collegare e integrare le reti esistenti di tutoraggio e sostegno tra pari per le donne in ambito STEM. Dobbiamo incoraggiare iniziative che uniscano organizzazioni affini a obiettivi comuni. Per esempio, Rendere possibile ha collaborato con il WWEST per rivedere e pubblicare i risultati chiave sulle donne in STEM.

 

[Espandi Leggi l'intero discorso ...]

Discorso pronunciato davanti al Comitato permanente sulla condizione delle donne

di Danniele Livengood e Sandra Eix

Grazie Signora Presidente. Il mio nome è Danniele Livengood e questa è Sandra Eix. Rappresentiamo qui la Society for Canadian Women in Science and Technology, affettuosamente conosciuta come SCWIST.

Da oltre 30 anni SCWIST sostiene e sostiene le donne nei settori della scienza, della tecnologia, dell'ingegneria e della matematica. In questo periodo, abbiamo visto molti cambiamenti positivi nella rappresentazione delle donne in questi campi tradizionalmente dominati dagli uomini.

Le donne ora rappresentano il 39% degli studenti iscritti ai programmi STEM e proprio quest'anno l'Università della British Columbia ha raggiunto numeri record per l'iscrizione di donne ai loro programmi di ingegneria che ora vantano il 29% di donne rispetto al 19% nel 2010. A livello di facoltà , le donne sono il 35% dei ricercatori nel campo delle scienze della vita e il 15% in scienze fisiche, informatica, ingegneria e matematica.

Sarebbe allettante congratularci con noi stesse e dire che, anche se le donne non hanno raggiunto completamente un'equa rappresentanza nei settori STEM, abbiamo almeno implementato una parte fondamentale della soluzione: incoraggiare e sostenere le giovani donne che entrano nei programmi STEM.

Tuttavia, uno sguardo più attento indica che c'è ancora del lavoro da fare.

Ad esempio, Statistics Canada riporta che rispetto agli uomini con diplomi STEM, le donne con diplomi STEM hanno maggiori probabilità di essere disoccupate o impiegate in campi che non richiedono una laurea. I dati statunitensi del 2011 mostrano che nella forza lavoro non accademica solo il 26% dei lavoratori STEM erano donne. Eppure sappiamo che complessivamente le donne costituiscono circa il 48% della forza lavoro.

Più significativamente, c'è ancora un'allarmante assenza di donne a livello di leadership, sia nella ricerca accademica che nell'industria.

Le statistiche dal 2013 al 2014 mostrano che le donne detengono solo il 15% delle cattedre ordinarie in scienze in generale e solo l'8% delle cattedre ordinarie in ingegneria, rispetto al 31% in scienze umane.

Inoltre, solo il 3.3% dei primi 25 beneficiari del NSERC (misurato in base alle dimensioni della borsa di studio) coinvolge donne.

La storia è simile al di fuori del mondo accademico. Enormi aziende tecnologiche Facebook, LinkedIn e Google mostrano promettenti statistiche sulla diversità: in genere circa il 35% della loro forza lavoro è costituita da donne, ma le donne rappresentano solo il 15-17% dei loro dipendenti tecnici e solo il 20-25% del personale senior.

Fino a quando non comprendiamo e agiamo per contrastare le forze storiche e culturali che impediscono alle donne di dirigere STEM, abbiamo risolto solo una parte del problema.

Nel 21st secolo e oltre, le sfide che il Canada e il mondo devono affrontare non sono semplici e saranno necessari nuovi tipi di pensiero per affrontarle. Riconoscendo questo, i sistemi educativi in ​​tutto il Canada si stanno evolvendo per concentrarsi su creatività, innovazione, comunicazione, collaborazione, risoluzione dei problemi e pensiero critico.

Che si tratti di affrontare il cambiamento climatico, nuove malattie, gestire un'economia dell'informazione o nutrire una popolazione in crescita, dobbiamo pensare in modo diverso. I leader che pensano al di fuori dell'archetipo storicamente informato possono portare nuove prospettive per risolvere problemi complessi e interconnessi.

Oltre 20 anni di ricerca ci dicono che la diversità di genere è la chiave per questo tipo di innovazione. Gli studi del Conference Board of Canada e Corporate Governance collegano la diversità di genere non solo alla soddisfazione dei dipendenti, ma anche a una migliore governance, innovazione e vantaggi economici per le aziende. Uno studio pubblicato su The Harvard Business Review ha illustrato che l'intelligenza collettiva aumenta in un gruppo con più donne, e studi sul Journal of Business Ethics hanno rilevato che la presenza di almeno il 30% di donne in un consiglio diminuisce il "pensiero di gruppo", mentre le donne registe migliorano la capacità di un'azienda di affrontare complesse questioni strategiche.

Quello che possiamo imparare da questi studi è che la mancanza di donne nella leadership STEM non è solo un problema per le donne ambiziose: è un fattore limitante nella capacità dei ricercatori e delle società canadesi di prosperare e crescere. In altre parole, STEM ha bisogno di leader donne.

Sebbene le istituzioni e le imprese più recenti siano in genere più diversificate, è possibile che le istituzioni più vecchie cambino. Con solide politiche e pratiche aziendali sulla diversità, la Royal Bank of Canada, l'Università della British Columbia e molte altre grandi istituzioni hanno compiuto enormi passi avanti nella diversità, quindi può essere fatto.

Le donne che lavorano in STEM identificano molti ostacoli al loro successo.

Alcuni di questi sono sotto forma di infrastrutture e sistemi che li trattengono.

Alcuni sono legati alla cultura organizzativa o lavorativa.

Alcuni sono legati all'atteggiamento nei confronti delle capacità delle donne in questi campi.

Nel corso del tempo, le donne forti ei loro sostenitori, sostenuti dall'ordine pubblico e dalla legge, hanno tagliato in modo significativo la più evidente di queste barriere, al punto che i blocchi stradali rimanenti sono sottili e talvolta difficili da articolare. L'abbattimento di queste ultime barriere richiede di cambiare il modo in cui pensiamo e richiede un livello di auto-riflessione.

Rispetto a 30 anni fa, l'atteggiamento della società su chi può e deve partecipare a STEM è cambiato enormemente. È ben noto che non esiste una connessione innata tra genere e abilità matematiche o scientifiche. La legislazione sui diritti umani rende illegali le pratiche di assunzione discriminatorie.

Tuttavia, la maggior parte delle persone non è a conoscenza di pregiudizi impliciti che li inducono a fare piccole supposizioni senza rendersene conto. Questo è un ostacolo fondamentale per le donne che avanzano nello STEM, dal momento che anche le insegnanti, i consulenti di orientamento, i professori e i responsabili delle assunzioni con le migliori intenzioni hanno pregiudizi impliciti. Per illustrare gli effetti del pregiudizio implicito sull'avanzamento delle donne a posizioni di leadership, uno studio ha presentato un CV a diversi professori di scienze e ha chiesto loro di valutare il candidato per una posizione di responsabile di laboratorio. Al candidato maschio è stato offerto uno stipendio superiore del 12%, più tutoraggio ed è stato valutato più competente e assumibile rispetto alla candidata donna, anche se l'unica differenza nei loro CV era il nome in alto.

L'uso regolare e ripetuto di strumenti come l'Harvard Implicit Bias Test può aiutare gli educatori, i manager ei professionisti delle risorse umane a prendere coscienza e combattere i pregiudizi. Essere consapevoli è il primo passo.

L'importanza dei modelli di ruolo nell'incoraggiare le donne mentre entrano in campi non tradizionali è ampiamente riconosciuta ed è la ragion d'essere di molti programmi di successo come Make Possible di SCWIST e programmi ms infinity, nonché Let's Talk Science, Scientists and Innovators in le scuole e molti altri.

Tuttavia, quando le donne in STEM sono riconosciute e celebrate dai media, le storie riflettono spesso stereotipi sociali intrinseci. I test critici per i media come il test di Bechdel per i film possono aiutare a identificare i pregiudizi di genere che siamo così abituati a vedere. Un test analogo, il test di Finkbeiner, serve per richiamare le rappresentazioni delle donne nei campi STEM che definiscono i loro successi nel contesto del loro genere. Per superare questo test, gli articoli su una donna in STEM non devono menzionare (tra gli altri criteri) il fatto che è una donna, il lavoro di suo marito, i suoi servizi di assistenza all'infanzia o come è la "prima donna a ..." Questi elementi possono sembrare normali - anche lodevole - da includere in una storia su una donna di successo in STEM, ma dobbiamo chiederci: diremmo queste cose su un uomo nello stesso campo. Anche se abbiamo bisogno di vedere più donne in STEM rappresentate nei media, è essenziale essere consapevoli di COME vengono ritratte.

Come puoi vedere, la rappresentanza delle donne nello STEM è ancora carente a livello di leadership. Questo deve cambiare, perché i modelli di leadership più diversificati sono ciò che il Canada deve soddisfare 21st sfide del secolo. Molti degli ostacoli al successo delle donne nello STEM sono stati rimossi e alcuni degli ostacoli che rimangono sono sottili come i pregiudizi impliciti e la rappresentazione dei media. Per andare avanti, dobbiamo continuare a sostenere le migliori pratiche che finora hanno fatto progredire le donne nello STEM e dobbiamo anche affrontare le barriere rimanenti.

Primo, non possiamo smettere di sostenere le iniziative che finora hanno funzionato bene. Ciò include reti di supporto e advocacy come SCWIST, DAWEG, WWEST, NSERC Chairs for Women in Science and Engineering. Include programmi di tutoraggio per ragazze e giovani donne come ms infinity di SCWIST e la nostra serata di networking double-X. Include anche opportunità di sviluppo di abilità come Immigrating Women in Science, Ladies Learning Code e campi scientifici e tecnologici per ragazze.

In secondo luogo, dobbiamo investire in sistemi per aiutare i professionisti delle risorse umane e gli educatori a comprendere e contrastare i propri pregiudizi. Ciò contribuirà a garantire che i pregiudizi sistemici inconsci contro le donne nello STEM non continueranno a rappresentare un ostacolo.

Seminari per professionisti e accademici, supportati dalla condivisione delle migliori pratiche per combattere i pregiudizi, potrebbero cambiare notevolmente il panorama. Le iniziative promettenti in quest'area includono la serie di seminari WinSETT, il seminario sull'inclusione delle risorse umane di Make Possible e il kit di strumenti per le risorse umane sulla diversità sviluppato da Digital Nova Scotia

Terzo, dobbiamo riconoscere e celebrare le organizzazioni che sono modelli di diversità e raccontare la storia di come ne hanno beneficiato. Ad esempio, sappiamo che le società Fortune 500 con il maggior numero di donne nei loro consigli di amministrazione superano di gran lunga le aziende con il minor numero di donne. Motivare il cambiamento in istituzioni e società ben consolidate sarà più facile quando il business case per la diversità sarà ampiamente compreso.

Infine, dobbiamo lavorare per costruire, collegare e integrare le reti esistenti di tutoraggio e sostegno tra pari per le donne in ambito STEM. Dobbiamo incoraggiare iniziative che uniscano organizzazioni con idee simili per obiettivi comuni. Ad esempio, Make Possible ha collaborato con il WWEST per esaminare e pubblicare i risultati chiave sulle donne in STEM. Creazione di connessioni è una conferenza a Metro Vancouver dove studenti universitari e universitari STEM si incontrano con organizzazioni che supportano le donne in STEM per "riunire persone di tutti i sessi ... per discutere questioni di sviluppo personale e professionale, networking e ispirazione".

Le donne in STEM e i loro alleati hanno ancora molto lavoro da fare, per fornire al Canada la leadership STEM necessaria per i 21st secolo e oltre. I progressi che abbiamo fatto finora giustificano ottimismo e ulteriore supporto mentre affrontiamo la prossima serie di sfide.

[/ Expand] [Expand Vedi elenco di riferimenti]

http://news.ubc.ca/2015/02/20/ubc-engineering-enrols-record-number-of-women-in-2014/

http://www.nserc-crsng.gc.ca/Women-Femmes/index_eng.asp

http://www.scienceadvice.ca/uploads/eng/assessments%20and%20publications%20and%20news%20releases/women_university_research/wur_fullreporten.pdf.pdf

http://www.caut.ca/docs/default-source/almanac/almanac_2013-2014_print_finalE20A5E5CA0EA6529968D1CAF.pdf?sfvrsn=2

 http://www.statcan.gc.ca/pub/75-006-x/2013001/article/11874-eng.htm

http://www.census.gov/prod/2013pubs/acs-24.pdf

http://www.bced.gov.bc.ca/irp/transforming_curriculum.php

http://www.conferenceboard.ca/e-library/abstract.aspx?did=374

http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1111/1467-8683.00011/abstract;jsessionid=AAE4E88C363D087A8C830F3AF5D9AC0B.f02t03?deniedAccessCustomisedMessage=&userIsAuthenticated=false

https://hbr.org/2011/06/defend-your-research-what-makes-a-team-smarter-more-women/ar/1

http://www.aabri.com/manuscripts/131516.pdf

http://www.rbc.com/diversity/pdf/rbc-diversity-blueprint.pdf

http://www.canadastop100.com/diversity/

Moss-Racusin, C. et al. (2012). I sottili pregiudizi di genere della facoltà di scienze favoriscono gli studenti maschi. Atti della National Academy of Sciences degli Stati Uniti d'America, 109 (41), 16474-16479.

https://implicit.harvard.edu/implicit/

http://www.kcl.ac.uk/ioppn/news/previous-events-and-podcasts/Paper-Same-Gender-Role-Models-Lockwood.pdf

http://en.wikipedia.org/wiki/Bechdel_test

http://en.wikipedia.org/wiki/Finkbeiner_test

homeDNS

http://www.canadastop100.com/diversity/

http://www.catalyst.org/knowledge/bottom-line-corporate-performance-and-womens-representation-boards-20042008

[/Espandere]