Tendenze positive per le donne in STEM

Di Kassandra Burd

Molte tendenze negative sono state importanti per quanto riguarda le donne nei settori STEM, ma è anche importante evidenziare le tendenze positive a cui stiamo assistendo. Sebbene sia vero che molte donne stanno lottando nei rispettivi campi a causa di disuguaglianze sistemiche e che molte donne sono scoraggiate dal perseguire le STEM in primo luogo, ci sono aspetti positivi a cui possiamo aspirare, che possono ulteriormente aiutare a motivare e incoraggiare le ragazze e le donne a perseverare.

In un sondaggio del 2019 finanziato da Microsoft, il 52% delle ragazze di età compresa tra 12 e 17 anni ha riferito che prenderebbe in considerazione un lavoro in un campo tecnologico o scientifico (Clarke, 2019). Inoltre, nel 2010, il 44% delle studentesse STEM al primo anno di età pari o inferiore a 19 anni frequentava corsi di laurea in Canada (Wall, 2019). Ciò illustra la necessità di spingere queste ragazze nella direzione di STEM e fare uno sforzo maggiore per eliminare gli ostacoli che potrebbero ostacolare il loro progresso. Sottolinea inoltre il fatto che la carenza delle donne nello STEM potrebbe non essere effettivamente dovuta alla mancanza di interesse, ma piuttosto a barriere sociali e istituzionali. Il motivo per cui molte di queste ragazze potrebbero non continuare a perseguire i campi STEM, nonostante il loro interesse, è probabilmente dovuto alla mancanza di tutor donne, disuguaglianze retributive di genere, scarsa sicurezza di sé, ecc.

Negli ultimi dieci anni, il numero di donne che hanno conseguito titoli STEM è aumentato di oltre 50,000, mentre nel 2009 oltre 140,000 donne si sono laureate con diplomi STEM, oltre 200,000 si sono laureate con diplomi STEM nel 2016 (Silva, 2019). Secondo Stats Canada, il 27% delle donne e il 16% degli uomini che hanno iniziato nel campo dell'informatica e delle scienze dell'informazione hanno completato una laurea STEM entro quattro anni, dimostrando che le donne si sono laureate più velocemente degli uomini nei programmi STEM, indipendentemente dalla disciplina (Silva, 2019) . In particolare, si è scoperto che le donne in ingegneria perseverano più degli uomini, il che è interessante perché l'ingegneria è il campo STEM che è meno rappresentativo delle donne (Wall, 2019).

Nonostante la dominazione maschile nei campi STEM, le donne possono ancora persistere; l'obiettivo, quindi, è incoraggiare le donne in tutti i campi STEM a mantenere la rotta. Nel complesso, questi risultati indicano che le donne sono più che capaci di avere successo nei programmi STEM e che il problema non è effettivamente dovuto all'idea errata che gli uomini siano più abili nelle abilità relative alle STEM.

A causa della consapevolezza riguardo alla mancanza di donne nello STEM, molte organizzazioni stanno ora sentendo la pressione di ideare programmi che mirino a motivare le donne a perseguire i campi STEM al fine di rendere i loro luoghi di lavoro più sfumati ed equi (Ranstad, 2019). Queste organizzazioni stanno iniziando a rendersi conto dell'importanza di acquisire prospettive multiple e approcci innovativi che le donne possono promuovere, il che aiuta a stimolare e far progredire questi campi. Ad esempio, molte scuole primarie e secondarie stanno sviluppando programmi di programmazione estiva rivolti alle ragazze nella speranza che le attraggano verso lauree in matematica e scienze. Girls Who Code è un programma che insegna alle ragazze come costruire siti web, giochi virtuali, programmazione, ecc. (Houghton, 2019). Promuove inoltre le competenze relative al ragionamento analitico, al pensiero critico, alla risoluzione dei problemi e alla collaborazione in team.

Inoltre, i modelli di ruolo delle donne nello STEM sono più spesso proiettati sotto i riflettori. Sia le istituzioni accademiche che le organizzazioni per il lavoro chiedono più donne leader per promuovere l'avanzamento (Potts, 2017). Di conseguenza, più ragazze e donne possono essere positivamente influenzate per intraprendere una carriera in STEM. Uno studio condotto da Nilanjana Dasgupta presso l'Università del Massachusetts ha dimostrato che non c'erano studentesse che hanno abbandonato gli studi quando erano state guidate da una donna (Potts, 2017). Tuttavia, per coloro che non avevano un mentore o avevano solo mentori maschi, i tassi di abbandono erano rispettivamente dell'11% e del 18% (Potts, 2017). I principali vantaggi di avere un mentore donna includono più fiducia in se stessi e motivazione, meno ansia accademica, supporto alla carriera e consigli e idee utili (Potts, 2017).

In definitiva, questi risultati mostrano che mentre c'è ancora molto lavoro da fare, i campi STEM si stanno muovendo in una direzione positiva, poiché le tendenze tendono a mostrare che le donne stanno lentamente ma inesorabilmente iniziando a ottenere più riconoscimento e riconoscimento. Stiamo assistendo a un aumento di ragazze e donne interessate a perseguire STEM, un'abbondanza di programmi STEM incentrati sulle donne e un numero maggiore di tutor donne che promuovono e incoraggiano le donne a persistere e sviluppare le competenze necessarie per avere successo. L'eliminazione delle numerose barriere sistemiche messe in atto aiuterà ulteriormente le donne a progredire negli studi e nelle carriere, il che creerà inevitabilmente un futuro più innovativo ed equo in ogni area di STEM.